mercoledì 22 giugno 2011

Z.T.L. 2011: Zona a Traffico Legalizzato (seconda parte).

Facebook Twitter
In riferimento all'articolo uscito sul sito del Tirreno di oggi.

L'articolo fa morire dalle risate ma andiamo con calma (nota: la momento non e' possibile commentare l'articolo sul sito...uhm).

"la ztl era praticamente un colabrodo": e su questo direi che si può raggiungere il quorum nel senso che era evidente che passassero cani e porci.

"un migliaio circa di pass rilasciati tra residenti, turisti, dipendenti delle attività commerciali": eh ma questi pass chi li rilasciava? Il Grande Puffo? Don Zauker? Topo Gigio? Non si poteva essere piu' stringenti in fase di rilascio dei pass? Se un residente ne poteva richiedere a piacere e' ovvio che dopo pochi giorni parenti ed amici avevano libero accesso alle zone "blu". Castiglioncello non e' New York oppure io mi chiedo dove finiscano tutti questi "residenti" a partire da Ottobre fino a Maggio.....

"insoddisfazione diffusa tra gli operatori commerciali e turistici riguardo alle misure della ztl": sono 20 anni che sento questa storia, ma sentire per UNA VOLTA il parere dei famosi "residenti" no? Perché deve contare più il parere di esercizi commerciali che non danno nessun servizio ai residenti se non stare aperti 3 mesi l'anno facendo prezzi da vampiri?

"la proposta di Pizzi vuole essere quella di chiudere completamente al traffico il promontorio, ne potremo discutere al termine dell'estate": eh no, troppo comodo. Facciamo cosi': quest'anno "liberi tutti" e il prossimo anno, per provare, ZTL "forte" e chiusura integrale del Promontorio. Dopotutto abbiamo provato per 20 anni con il "colabrodo".

Riflessione finale: il problema della ZTL fino allo scorso anno erano gli scarsi controlli generali che diventavano nulli passata una certa ora. Quindi carosello di macchine che entravano ed uscivano soprattutto dal Promontorio nella vana ricerca di un posto per parcheggiare e ovviamente di vigili urbani neanche l'ombra.

Buona Estate (ve la meritate).

2 commenti:

Il Templare ha detto...

DEH!!! QUANDO HA RAGIONE HA RAGIONE!!!!

GRANDE PIPPO!!! CONDIVIDO IN PIENO E VOTO LA TUA MOZIONE!!!

IL TEMPLARE

Capitan Scammello ha detto...

Deh oh! Ma oh deh! Bah deh! Boja!

Per come mi ricordo io il pass residenti veniva rilasciato perlappunto ai residenti, per quello turistico invece era un pò diversa la cosa.

Ve lo dico perchè a seconda degli anni ho richiesto (e ottenuto) sempre il pass giallo in quanto casa è il quella zona, ma volta anche il passa blu (si legga "insieme" a quello giallo).

La modalità, per i non residenti, di richiesta del pass era la seguente:
- Autocertificazione dell'inditrizzo di soggiorno e periodo
- indicazione della targa della macchina
- Indicazione del proprietario dell'immobile presso il quale si sooggiorna

Ora:
- Chi è propritario di immobili non ha grandi problemi in quanto per ogni unità viene rilasciato 1 (gli altri anni erano 2)pass per sosta e transito e 1 (gli altri anni erano infiniti) per solo transito.
- Chio viene in affitto oltre l'indirizzo deve comunicare il nome del padrone di casa

Nel corso degli anni, l'unico archivio che l'ufficio pass ha avuto dei proprietari di immobili è stato quello de vari nominativi comunicati nel corso degli anni dalle varie richieste, ovvero nessuna fonte ufficiale.

Questo ha fatto sì che nessuna richiesta fatta all'ufficio poteva essere in alcun modo contestata.

Mi spiego meglio:
La vigilona dell'ufficio qualora rintrava alcune anomalie nella richiesta, rifiutava il rilascio del pass e molti dei richiedenti si trovavano costretti a fare per 2 o 3 volte la fila e la richiesta perchè mancava quello o quell'altro dato, pur avendo pieno diritto allì'ottenimento perchè magari propriatri medesimi.
Il fatto sta che basandosi esclusivamente su un archivio storico delle autocertificazioni, questo non può essere usato come contraddittorio da parte dell'ufficio amministrativo preposto al rilascio previo controllo, quindi una volta consapevoli di questo basta picchiare i pugni sul tavolino sicuri di quello che stiamo chiedendo per ottenerlo, perchè niente può essere ufficlamente ribattutto a diniego.

Purtroppo questo è il "bug" enorme di questa ZTL, il vedere che dopo averla ideata e applicata per anni, colti da un moto improvviso di rinnovamento si destino a misure nuove ancora di ignota applicazione lascia un pò perplessi, ma penso che abreve ogni riserva verrà sciolta e apprezzeremo i risultati di uno dei più "complicati" e "caotici" comuni della costa tirrenica.

"Mettiti in mostra,
sia quel che sia,
voi dite la vostra,
che io dico la mia!"

DEH! (sostiene)